studiolegaleiervolino@virgilio.it 3337036424 studioiervolino

Protezione umanitaria

Protezione umanitaria

https://www.accesstoasylum.org/en/06-la-decisione-della-commissione/

Può accedere alla protezione per motivi umanitari l’immigrato che abbia subito :

  •  atti di persecuzione e motivi di persecuzione che, se riconosciuti, consentiranno al richiedente di avere riconosciuto lo status di rifugiato
  • danno grave, che se riconosciuto, consente al richiedente di avere riconosciuta la protezione sussidiaria.

I Motivi di persecuzione devono presentare le seguenti caratteristiche:

  • essere sufficientemente gravi, per loro natura o frequenza, da rappresentare una violazione grave dei diritti umani fondamentali, in particolare dei diritti per cui qualsiasi deroga è esclusa;
  • costituire la somma di diverse misure, tra cui violazioni dei diritti umani, il cui impatto sia sufficientemente grave da esercitare sulla persona una violazione grave dei diritti umani fondamentali.

Gli Atti di persecuzione devono presentare le seguenti caratteristiche:

  • essere sufficientemente gravi, per loro natura o frequenza, da rappresentare una violazione grave dei diritti umani fondamentali, in particolare dei diritti per cui qualsiasi deroga è esclusa;
  • costituire la somma di diverse misure, tra cui violazioni dei diritti umani, il cui impatto sia sufficientemente grave da esercitare sulla persona una violazione grave dei diritti umani fondamentali;
  • A)atti di violenza fisica o psichica, compresa la violenza sessuale;
  • b) provvedimenti legislativi, amministrativi, di polizia o giudiziari, discriminatori per loro stessa natura o attuati in modo discriminatorio;
  • c) azioni giudiziarie o sanzioni penali sproporzionate o discriminatorie;
  • d) rifiuto di accesso ai mezzi di tutela giuridici e conseguente sanzione sproporzionata o discriminatoria;
  • e) azioni giudiziarie o sanzioni penali in conseguenza del rifiuto di prestare servizio militare in un conflitto, quando questo potrebbe comportare la commissione di crimini, reati o atti considerati crimini di guerra o contro l’umanità;
  • f) atti specificamente diretti contro un genere sessuale o contro l’infanzia.

Al fine del riconoscimento dello status di rifugiato, gli atti di persecuzione devono essere riconducibili ai motivi di:

  • a) “razza”;
    b) “religione”;
    c) “nazionalità”;
    d) “particolare gruppo sociale”;
    e) “opinione politica”.

Se ricorrono i requisiti per l’attribuzione della protezione per motivi umanitari all’immigrato viene riconosciuto lo status di rifugiato che attribuisce :

  • il rilascio di un permesso di soggiorno per asilo politico della durata di 5 anni;
  • il rilascio del titolo di viaggio per rifugiati per potersi recare all’estero;
  • tesserino di rifugiato che consente ulteriori rinnovi e pratiche;
  • di fare richiesta di cittadinanza per naturalizzazione dopo soli 5 anni;
  • di ricongiungere la propria famiglia,
  • accesso all’occupazione;
  • accesso all’istruzione;
  • assistenza sanitaria e sociale (invalidità civile, assegno di accompagnamento, assegno di maternità) a parità coi cittadini italiani.